News

Il nemico dei giovani il diabete

14/03/2019 | Italia

In appena dieci anni raddoppiato in Italia il numero di giovani colpiti da diabete.

Non si tratta, per, di quello da tutti conosciuto come infantile o di tipo 1, cio solitamente presente alla nascita e legato ad anticorpi che non riconoscono i propri organi e quindi distruggono le cellule beta del pancreas, che producono insulina, con relativa impossibilit di controllo del glucosio nel sangue. No, almeno 150mila giovani tra i 20 e i 35 anni in Italia hanno il diabete di tipo 2, quello legato a cattivi stili di vita, a partire dall' inattivit fisica e la scorretta alimentazione (che ha determinato anche un' impennata dei casi di obesit). Una situazione che un tempo si osservava di solito in et molto pi avanzata.

Diventa quindi imperativo riscoprire abitudini corrette a tavola e riprendere il peso giusto, poich l' attivit fisica la forma di prevenzione primaria contro 26 patologie croniche non trasmissibili, diabete incluso.
A richiamare l'attenzione sull'emergenza sono stati gli specialisti riuniti per Panorama Diabete, congresso organizzato dalla Societ italiana di diabetologia (Sid), appena conclusosi a Riccione. Attualmente - afferma Francesco Purrello, presidente Sid - In Italia si contano 3,5 milioni di casi di diabete diagnosticati ed un milione non ancora diagnosticati. Un diabetico di tipo 2 su tre ha meno di 65 anni, il 15% ha meno di 50 anni ma il 5%, che equivale appunto ad oltre 150mila soggetti, sono giovani tra 20 e 35 anni. Sono proprio i giovani a rischiare di pi se non si correr subito ai ripari.
Una misura prioritaria, afferma Purrello, innanzitutto incentivare l' attivit fisica, che ha una funzione di farmaco, ovvero curativa, oltre che preventiva. Oggi interamente a carico delle famiglie. La nostra richiesta e proposta - conclude - che sia invece detraibile dalla tasse, almeno per i pazienti diabetici ed i soggetti a rischio di sviluppare la malattia. Ma l' effetto benefico dell' attivit fisica non deriva esclusivamente da un esercizio fisico organizzato nel tempo e prolungato, ma anche da pillole di movimento giornaliere.

Infatti, secondo gli esperti, il principio fondamentale interrompere i lunghi periodi di sedentariet, che caratterizzano le giornate: se si lavora per almeno 8 ore al giorno in ufficio seduti, bisognerebbe alzarsi al massimo ogni 45 minuti e camminare per qualche minuto, anche semplicemente percorrendo i corridoi e facendo le scale. Oppure, approfittare della pausa pranzo e, dopo aver mangiato cibi sani e porzioni contenute, fare una camminata di una ventina di minuti.

Le linee guida dell' Associazione americana di diabetologia Ada - spiega Andrea Di Blasio, ricercatore in Scienze motorie all' Universit D' Annunzio di Chieti - consigliano l' attivit fisica da 3 a 7 volte a settimana. Ma l' esercizio fisico pu essere fatto anche attraverso una modalit contenuta nell' arco della giornata. L' obiettivo si pu raggiungere anche grazie ad attivit leggere e piacevoli, sottolinea Agostino Consoli, presidente eletto SID, come ballare o portare a passeggio il cane. L' importante alzarsi dalla sedia e muoversi



Edita Periodici © All rights reserved.
Cookie policy
segreteria@editaperiodici.it
www.editaperiodici.it


Via B. Bono, 10
24121 Bergamo
Tel. 035 270989
Cod. Fisc. e P.IVA 02103160160
Capitale sociale € 10.000,00 i.v.
Registro imprese nr. 02103160160
REA - 306844
Publifarm